Chi è Kae Tempest, la rapper che recita poesie

È una delle artiste più interessanti di questi ultimi 10 anni, Kae Tempest, la poetessa che rappa.

Kae Tempest arriva come uno schiaffo in faccia. La sua voce libera parole che diventano forme, colori, rabbia, pietre o dolci sussurri. Anche se non si conosce l’inglese: il loro significato si intuisce, si fa strada attraverso il ritmo del rap e la sua voce.

Kae Tempest è una poetessa – per essere precisi Poeta della Nuova Generazione dalla Poetry Book Society, una scrittrice, una rapper inglese che ha iniziato ad approcciarsi alla musica e alle parole, fin da ragazzina. Nata a Westminster, un quartiere della città di Londra nel 1985, è cresciuta Brockley, South East London. Ha iniziato la sua carriera da artista a 16 anni, prendendo parte alle serate di un piccolo negozio di hip-hop in Carnaby Street, il Deal Real, stando al fianco di poeti e musicisti noti nell’ambiente, come John Cooper Clarke, Billy Bragg e Benjamin Zephaniah.

Poetessa che scatena tempesta (emotiva)

Si è laureata in letteratura inglese al Goldsmiths College. Ha scritto per il teatro, ha pubblicato poesie, il suo romanzo The Bricks That Built the Houses, uscito nel 2016, è un best seller. Ma cosa dice Kae Tempest? Perché incanta? Prima di tutto perché ha un aspetto comune. E oggi vuol dire tanto. E poi perché la poesia con lei, si armonizza con la musica e diventa contemporanea. Kae racconta i nostri tempi e lo fa in maniera originale, nel suo stile unico. Salt Coast (The Line is a Curve, 2022) è il singolo che la sta facendo conoscere al grande pubblico.

Salt coast, foul wind 
Old ghosts, scrap tin
Leaves, rain
Leaves, rain
Salt coast, foul wind
Old ghosts, scrap tin
Leaves, rain
Leaves, rain

All dressed up with nowhere to go
I love your sleeve-pulling nervousness
I love the way you crumble into chalk at your edges
I love the way you fade into a sky that is as endless
As your willingness to try
Keep going and it will get better
I love the way you push to get clear
I love the way you dance to get strong
Ancient
Slick clay, rock-formed, wet sand, moss-borne
What camе before
And what will come aftеr
Beneath the orderly queues, the bad moods, the nice views
The have-nots and have-twos, the night shifts in flat shoes
The discarded masks, the empty tubes
The colds, the flus, the reds, the blues, the buy-to-let, the play-to-lose
The white ace, the grey goose, the michelin-starred, the fast food
The straight lies, the strange truth
I can hear the deep rasp of your laughter, joyful
Beneath the stifled resentments
And micro-aggressions
All part of the fabric
The tension woven so tight it defies its dimension
The see-but-don’t-feel
The know-but-don’t-mention
There you are; hedonistic, self-destructive, insecure
Trying to get away from the mistakes you’ve made before

Salt coast, foul wind
Old ghosts, scrap tin
Leaves, rain
Leaves, rain
Salt coast, foul wind
Old ghosts, scrap tin
Leaves, rain
Leaves, rain

Veering into change
I appreciate your efforts
Acknowledging your privilege
But prone to back-stepping
Sure, it’s not by our past that our future will be measured
It’s by the very moment that we’re slumping in, dishevelled
Six hours in to some tv show that tastes like the feeling of pizza
I know what you reach for
All dressed up with nowhere to go
Benched, waiting for a path to open up
Waiting for a thing that might make you old enough
To get into the pub
Where people drink to lost youth
I see you, scraping the gravel in your air max
So beautiful, so chaotic, so grounded
Home
Concrete and loam
Brick-dust and loans
Wood-floors
Screen-doors
And a place of your own
Pay it off the rest of your life, but who’s asking?
Restless, the damp night approaching
Distilling the heat
Too long on your feet
Now you want to be free
From the strain of what’s done in your name
Every single inch of you is somebody’s claim
The familiar refrain
Of their glory and your shame
You just want to keep moving, the energy contained
Is spilling out and making trouble for you
Nothing is the same
You got out from underneath the weight of suffer and obey
The tyranny and hate of britannia rules the waves
And now you swing your hips as you go strutting down the lane
I love you when I see you this plain

Your salt coast, your foul wind
Your old ghosts, your scrap tin
The browning of your leaves
And the greening of your rain
Salt coast, foul wind
Old ghosts, scrap tin
Leaves, rain
Leaves, rain
Salt coast, foul wind
Old ghosts, scrap tin
Leaves, rain
Leaves, rain

Costa salata, vento gelido
Vecchi fantasmi, rottami di latta
Foglie, pioggia
Foglie, pioggia
Costa salata, vento gelido
Vecchi fantasmi, rottami di latta
Foglie, pioggia
Foglie, pioggia Tutto travestito senza un posto dove andare
Adoro il tuo nervosismo da tirare le maniche
Adoro il modo in cui ti sbricioli in gesso ai bordi
Amo il modo in cui svanisci in un cielo infinito
Come la tua volontà di provare
Continua così e andrà meglio
Adoro il modo in cui spingi per essere chiaro
Adoro il modo in cui balli per diventare forte
Antico
Argilla liscia, rocciosa, sabbia bagnata, muschio
Cosa è venuto prima
E cosa verrà dopo
Sotto le code ordinate, i malumori, i bei panorami
I poveri e gli abbienti, i turni di notte con le scarpe basse
Le mascherine scartate, i tubi vuoti
I raffreddori, le influenze, i rossi, i blu, il buy-to-let, il play-to-losing
L’asso bianco, l’oca grigia, la stella Michelin, il fast food
Le bugie dirette, la strana verità
Riesco a sentire il rombo profondo della tua risata, gioiosa
Sotto i risentimenti soffocati
E le microaggressioni
Tutto parte del tessuto
La tensione tessuta così forte da sfidare la sua dimensione
Il vedere ma non sentire
Il sapere ma non menzionare
Eccoti; edonistico, autodistruttivo, insicuro
Cercando di allontanarti dagli errori che hai fatto prima Costa salata, vento gelido
Vecchi fantasmi, rottami di latta
Foglie, pioggia
Foglie, pioggia
Costa salata, vento gelido
Vecchi fantasmi, rottami di latta
Foglie, pioggia
Foglie, pioggia Virare verso il cambiamento
Apprezzo i tuoi sforzi
Riconoscendo il tuo privilegio
Ma incline a fare un passo indietro
Certo, non è dal nostro passato che il nostro futuro sarà misurato
È proprio nel momento in cui ci stiamo accasciando, arruffati
Sei ore in un programma televisivo che sa di pizza
So cosa cerchi Tutto travestito senza un posto dove andare
In panchina, in attesa che si apra una strada
Aspettando qualcosa che potrebbe renderti abbastanza grande
Per entrare nel pub
Dove la gente beve alla giovinezza perduta
Ti vedo, raschiare la ghiaia nella tua aria max
Così bella, così caotica, così radicata
Casa
Cemento e terriccio
Polvere di mattoni e prestiti
Pavimenti in legno
Porte-schermo
E un posto tutto tuo
Ripagalo per il resto della tua vita, ma chi lo sta chiedendo?
Inquieta, la notte umida si avvicina
Distillare il calore
Troppo a lungo in piedi
Ora vuoi essere libero
Dalla tensione di ciò che è stato fatto in tuo nome
Ogni singolo centimetro di te è la pretesa di qualcuno
Il ritornello familiare
Della loro gloria e della tua vergogna
Vuoi solo continuare a muoverti, l’energia contenuta
Si sta riversando fuori e ti crea problemi
Niente è lo stesso
Sei uscito da sotto il peso della sofferenza e obbedisci
La tirannia e l’odio della Britannia governano le onde
E ora fai oscillare i fianchi mentre scendi impettito lungo la corsia
Ti amo quando ti vedo così semplice La tua costa salata, il tuo cattivo vento
I tuoi vecchi fantasmi, la tua latta di scarto
La doratura delle tue foglie
E il rinverdimento della tua pioggia
Costa salata, vento gelido
Vecchi fantasmi, rottami di latta
Foglie, pioggia
Foglie, pioggia
Costa salata, vento gelido
Vecchi fantasmi, rottami di latta
Foglie, pioggia
Foglie, pioggia

Kae Tempest non canta, recita. È riduttivo chiamarla rapper. Non è Eminem al femminile. È di più. Che poi da poco ha anche annunciato la sua identità di genere non-binaria e vuole essere identificat* con il “singular they”. Ma perché soffermarci su questo? La sostanza è un’altra. Immaginiamo invece che poeti del passato, come Baudelaire o come Blake, si fossero messi a recitare i loro versi utilizzando la musica contemporanea dei loro tempi. Che effetto avrebbero fatto?

I suoi successi

Balance (con i Sound of Rum), Everybody Down – nominato al Mercury Prize 2014, Let Them Eat Chaos – nominato al Mercury Prize 2017, The Book of Traps and Lessons e l’ultimo del 2022 The Line is a Curve, sono tutti i suoi album in studio.

La sua prima raccolta di poesia, Hold Your Own, è stato un successo commerciale e di critica. In Italia è edito come Resta te stessa, casa editrice E/O. Nel 2015 Kae Tempest è stata eletta Fellow della Royal Society of Literature.

Europe is Lost (Let Them Eat Caos, 2016)

Europe is lost, America lost, London is lost, 
Still we are clamouring victory.
All that is meaningless rules,
And we have learned nothing from history.
People are dead in their lifetimes,
Dazed in the shine of the streets.
But look how the traffic keeps moving.
The system’s too slick to stop working.
Business is good. And there’s bands every night in the pubs,
And there’s two for one drinks in the clubs.
We scrubbed up well
We washed off the work and the stress
Now all we want’s some excess
Better yet; A night to remember that we’ll soon forget.
All of the blood that was shed for these cities to grow,
All of the bodies that fell.
The roots that were dug from the ground
So these games could be played
I see it tonight in the stains on my hands.
The buildings are screaming
I cant ask for help though, nobody knows me,
Hostile and worried and lonely.
We move in our packs and these are the rights we were born to Working and working so we can be all that want
Then dancing the drudgery off
But even the drugs have got boring.
Well, sex is still good when you get it.
To sleep, to dream, to keep the dream in reach
To each a dream,
Don’t weep, don’t scream,
Just keep it in,
Keep sleeping in What am I gonna do to wake up?
I feel the cost of it pushing my body
Like I push my hands into pockets
And softly I walk and I see it, it’s all we deserve
The wrongs of our past have resurfaced
Despite all we did to vanquish the traces
My very language is tainted
With all that we stole to replace it with this,
I am quiet,
Feeling the onset of riot.
But riots are tiny though,
Systems are huge,
The traffic keeps moving, proving there’s nothing to do.
It’s big business baby and its smile is hideous.
Top down violence, structural viciousness.
Your kids are doped up on medical sedatives.
But don’t worry bout that. Worry bout terrorists.
The water levels rising! The water levels rising!
The animals, the polarbears, the elephants are dying!
Stop crying. Start buying.
But what about the oil spill?
Shh. No one likes a party pooping spoil sport.
Massacres massacres massacres/new shoes
Ghettoised children murdered in broad daylight by those employed to protect
them.
Live porn streamed to your pre-teens bedrooms.
Glass ceiling, no headroom. Half a generation live beneath the breadline.
Oh but it’s happy hour on the high street,
Friday night at last lads, my treat!
All went fine till that kid got glassed in the last bar,
Place went nuts, you can ask our Lou,
It was madness, the road ran red, pure claret.
And about them immigrants? I cant stand them.
Mostly, I mind my own business.
But they’re only coming over here to get rich.
It’s a sickness.
England! England!
Patriotism!
And you wonder why kids want to die for religion?
Work all your life for a pittance,
Maybe you’ll make it to manager,
Pray for a raise
Cross the beige days off on your beach babe calendar.
Anarchists desperate for something to smash
Scandalous pictures of glamorous rappers in fashionable magazines
Who’s dating who?
Politico cash in an envelope
Caught sniffing lines off a prostitutes prosthetic tits,
And it’s back to the house of lords with slapped wrists
They abduct kids and fuck the heads of dead pigs
But him in a hoodie with a couple of spliffs —
Jail him, he’s the criminal
It’s the BoredOfItAll generation
The product of product placement and manipulation,
Shoot em up, brutal, duty of care,
Come on, new shoes.
Beautiful hair.
Bullshit saccharine ballads
And selfies
And selfies
And selfies
And here’s me outside the palace of ME!
Construct a self and psyhcosis
And meanwhile the people are dead in their droves
But nobody noticed,
Well actually, some of them noticed,
You could tell by the emoji they posted.
Sleep like a gloved hand covers our eyes
The lights are so nice and bright and lets dream
But some of us are stuck like stones in a slipstream
What am I gonna do wake up?
We are lost
We are lost
We are lost
And still nothing
Will stop
Nothing pauses
We have ambitions and friends and our courtships to think of Divorces to drink off the thought of The money
The money
The oil

L’Europa è persa, L’America è persa, Londra è persa,
Ancora stiamo chiedendo a gran voce la vittoria.
Tutto ciò che è Regole senza senso,
E non abbiamo imparato nulla dalla storia.
Le persone sono morte nella loro vita,
Stordito nello splendore delle strade.
Ma guarda come il traffico continua a muoversi.
Il sistema è troppo lucido per smettere di funzionare.
Gli affari vanno bene. E ci sono Band ogni sera nei pub,
E ce ne sono due per un drink nei club.
Abbiamo lavato bene
Abbiamo lavato via il lavoro e lo stress
Ora tutto quello che vogliamo è un po ‘ in eccesso
Meglio ancora; una notte da ricordare che presto dimenticheremo.
Tutto il sangue che è stato versato per queste città a crescere,
Tutti i corpi caduti.
Le radici che sono state scavate dal terreno
Quindi questi giochi potrebbero essere giocati
Lo vedo stasera nelle macchie sulle mie mani.
Gli edifici stanno urlando
Non posso chiedere aiuto, però, nessuno mi conosce,
Ostile e preoccupato e solitario.
Ci muoviamo nei nostri pacchetti e questi sono i diritti che siamo nati per lavorare e lavorare in modo che possiamo essere tutto ciò che vogliamo
Poi ballare la fatica off
Ma anche le droghe sono diventate noiose.
Beh, il sesso e ‘ ancora buono quando lo capisci.
Dormire, sognare, mantenere il sogno a portata di mano
A ciascuno un sogno,
Non piangere, non urlare,
Basta tenere in,
Continua a dormire in cosa farò per svegliarmi?
Sento il costo di spingere il mio corpo
Come se spingessi le mani nelle tasche
E dolcemente cammino e lo vedo, è tutto ciò che meritiamo
I torti del nostro passato sono riemersi
Nonostante tutto quello che abbiamo fatto per sconfiggere le tracce
La mia stessa lingua è contaminata
Con tutto ciò che abbiamo rubato per sostituirlo con questo,
Io sono tranquillo,
Sentendo l’inizio della rivolta.
Ma i disordini sono piccoli però,
I sistemi sono enormi,
Il traffico continua a muoversi, dimostrando che non c’è niente da fare.
E ‘ Big Business baby e il suo sorriso è orribile.
Top down violenza, viziosità strutturale.
I tuoi figli sono drogati con sedativi medici.
Ma non preoccuparti di questo. Preoccupati per i terroristi.
I livelli di acqua in aumento! I livelli di acqua in aumento!
Gli animali, i polarbears, gli Elefanti stanno morendo!
Smettila di piangere. Inizia a comprare.
Ma per quanto riguarda la fuoriuscita di petrolio?
Shh. A nessuno piace un pooping partito rovinare lo sport.
Massacri massacri massacri / new shoes
Bambini ghettizzati uccisi in pieno giorno da coloro che lavorano per proteggere
loro.
Live porn in Streaming alle tue camere pre-adolescenti.
Soffitto di vetro, senza altezza libera. Mezza generazione vive sotto il filo del pane.
Oh, ma è l’happy hour sulla High street,
Venerdì sera finalmente ragazzi, il mio ossequio!
Tutto è andato bene finché quel ragazzo non è stato vetrato nell’ultimo bar,
Posto è andato noci, si può chiedere al nostro Lou,
Era una follia, la strada era rossa, pura claret.
E su di loro immigrati? Non posso sopportarli.
Per lo più, mi faccio gli affari miei.
Ma vengono qui solo per arricchirsi.
E ‘ una malattia.
Inghilterra! Inghilterra!
Patriottismo!
E ti chiedi perché i bambini vogliono morire per religione?
Lavora tutta la tua vita per una miseria,
Forse lo farai al manager,
Pregate per un rilancio
Attraversa i giorni beige sul tuo calendario da spiaggia.
Anarchici alla disperata ricerca di qualcosa da distruggere
Immagini scandalose di rapper glamour su riviste alla moda
Chi esce con chi?
Politico cash in una busta
Catturato sniffing linee off un prostitute protesica Tette,
Ed è tornato alla Camera dei lord con i polsi schiaffeggiati
Rapiscono i bambini e scopano le teste dei maiali morti
Ma lui in una felpa con cappuccio con un paio di Spliff —
Carcere lui, lui è il criminale
È la generazione BoredOfItAll
Il prodotto di product placement e manipolazione,
Shoot em up, brutale, dovere di cura,
Andiamo, scarpe nuove.
Bei capelli.
Stronzate saccarina ballate
E selfie
E selfie
E selfie
Ed ecco me fuori dal Palazzo di me!
Costruire un sé e psyhcosis
E nel frattempo le persone sono morte nelle loro frotte
Ma nessuno se ne accorse,
Beh, in realtà, alcuni di loro hanno notato,
Si potrebbe dire dal emoji hanno postato.
Dormire come una mano guantata copre i nostri occhi
Le luci sono così bello e luminoso e lascia sognare
Ma alcuni di noi sono bloccati come pietre in uno slipstream
Cosa devo fare per svegliarmi?
Siamo persi
Siamo persi
Siamo persi
E ancora niente
Si fermerà
Niente si ferma
Abbiamo ambizioni e amici e i nostri corteggiamenti a pensare di divorzi a bere il pensiero del denaro
Soldi
Olio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: